La nuova Agenzia vuole dare nuova energia alla riflessione sui temi dello sviluppo internazionale, diventare la piattaforma operativa del sistema italiano della cooperazione, rafforzarlo e renderlo protagonista nella lotta alla povertà, la promozione della pace, dei diritti e dello sviluppo sostenibile. Questo sito, sempre in evoluzione, sarà la nostra finestra. Buona navigazione!

Una battaglia vinta

Pubblichiamo la prefazione del Direttore, Laura Frigenti, alla Relazione annuale 2016.

Non era facile a gennaio 2016 immaginare che una nuova Agenzia potesse presentarsi, un anno dopo, con un bilancio così positivo. Le difficoltà della transizione da una struttura rodata e solida all'interno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale a una "start up" con regole differenti di contabilità, senza un ruolo di personale definito, procedure da riscrivere e oltre 1000 progetti ereditati, da gestire senza soluzione di continuità erano sfide che sembravano poter sopraffare la nuova Agenzia. Un’esile linea manageriale e uno staff largamente ridotto nei numeri non aiutavano di certo.

bando OSC Paesi partner

Le iniziative ammesse al finanziamento nell'ambito del bando 2016 sono 56. I termini per la presentazione delle garanzie fidejussiorie sono scaduti il 31/01/2017.

Iniziative ammesse al finanziamento
Graduatoria unica

bando ECG

Il Comitato Congiunto del 23/12/2016 ha approvato l’aumento dello stanziamento e la graduatoria finale del bando ECG. Pertanto, ai 2 milioni di euro già stanziati si aggiungono i residui del bando OSC, per un ammontare finale di € 2.114.462,94. Le iniziative ammesse a finanziamento sono 6.
Graduatoria ECG

AICS magazine

  migrazioni sostenibili

Trasformare una sfida in un'opportunità. Ma come? Lo studio pubblicato da ICID-Tor Vergata, in collaborazione con l'Agenzia, esamina il fenomeno migratorio nella sua complessità, alla ricerca di risposte possibili e attuali.

  n. 2/17  approfondimento

Roberta Pellizzoli, Università di Bologna

L’uguaglianza e la partecipazione di genere sono fra gli obiettivi dell’Agenda 2030, sulla scia della Convenzione del 1976 e della Piattaforma di Pechino del 1995. A livello globale, dal 1995 ad oggi, il numero delle donne parlamentari è raddoppiato, passando dall’11,3 al 23,3 per cento, ma è ancora distante dall’obiettivo di raggiungere la parità di genere nella rappresentanza. Il Ruanda è il primo paese al mondo per numero di donne parlamentari e altri quattro paesi del continente si collocano fra i primi 15 a livello globale, con una rappresentanza che supera il 40 per cento.


• Ministero degli Affari Esteri
e della Cooperazione Internazionale

00_farnesina_360

 

• Cooperazione Italiana - DGCS

ITACOOP_360x70

.
• Aiuto Pubblico allo Sviluppo

00_openaid_360

• Amministrazione Trasparente

amm_360x70

  sedi

Oltre alla sede di Roma, l'Agenzia può contare sulla sede decentrata di Firenze e su una rete di 20 sedi estere per la gestione delle proprie iniziative nei Paesi partner.