diritto alla salute

L’Italia vanta una consolidata tradizione di impegno nella lotta alle grandi pandemie, tradottasi nel varo di importanti iniziative multilaterali quali il Fondo Globale per la Lotta all’Aids, alla Tubercolosi e alla Malaria, e nell’individuazione e lancio di strumenti innovativi di finanziamento per lo sviluppo, come l’Advanced Market Commitment e la International finance facility for immunisation all’interno di Gavi, l'alleanza globale per la vaccinazione e l'immunizzazione cui l’Italia ha stanziato 100 milioni di euro per il quinquennio 2016-2020. A tale impegno nel controllo delle malattie trasmissibili, si aggiunge una particolare attenzione in favore della salute materno-infantile, che adotta come quadro di riferimento la Muskoka Initiative lanciata dalla presidenza canadese del G8 nel 2010, e della formazione del personale sanitario, con l’obiettivo di perseguire il rafforzamento dei sistemi sanitari e l’accesso universale alla salute. L’Italia vanta una consolidata esperienza e comprovate capacità in diversi campi di azione riguardanti la salute globale, come riconosciuto anche dalla leadership assunta dal nostro paese in segmenti altamente specifici delle agende globali come la Ghsa (Global Health Security Agenda) e la Ghsi (Global Health Security Initiative).

Il settore sanitario rimane un’area di tradizionale intervento della Cooperazione italiana: in tale ambito proseguono importanti programmi settoriali in diversi paesi africani – Mozambico, Etiopia, Tanzania, Uganda, Kenya, Sudan, Niger, Sudafrica e Burkina Faso. In Sudan, in particolare, è stata avviata una nuova fase del programma a gestione diretta nel settore sanitario, volto allo sviluppo dei sistemi sanitari degli Stati di Gedaref, Red Sea e Kassala, ad integrazione del Programma di cooperazione delegata dell’Ue, affidato proprio alla nostra Cooperazione. Parallelamente, gli interventi nelle aree orientali del paese sono stati accompagnati da azioni a livello multilaterale tramite contribuzioni ad agenzie internazionali come l’Organizzazione mondiale della sanità. È stata inoltre deliberata una nuova iniziativa in Etiopia finalizzata al supporto allo sviluppo dei sistemi sanitari nelle regioni Oromia e Tigray, con un contributo a dono al governo etiope del valore di 3,5 milioni di euro.

Sudan_400x200

Sudan

Albania_400x200

Albania

links

Salute globale: principi guida